print-logo2
A+ A-

Vancelu di GGesù | Gospel in Sicilian

pdf

Messaggio del Vangelo

–  Siete pregati di leggere qui sotto:

Gen 1:1 In principio Dio creò il cielo e la terra.
Rom 3:23 perché tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio
Giovanni 8:34 Gesù rispose loro: «In verità, in verità io vi dico, chiunque commette il peccato è schiavo del peccato.

U Signuri nni fici ma nuatri nu canuscemu e semu spartuti d’Iddu da li nostri piccati. I nostri viti senza Ddiu unn’anu significatu né scopu. A morti è lu prezzu ri nostri piccati, sia di lu Spiritu ca di lu corpu. La morti di lu Spiritu significa a separazioni da Ddiu, mentri la morti di lu corpu è la fine di lu corpu stissu. Si mmuremu nto piccatu semu spartuti pi ssempri ru Signuri e gghiemu a finiri o Nfernu. Comu nni putemu sarvari e turnari ‘nta la grazia di Ddiu? U nni putemu sarvari picchì un piccaturi un si po’ sarvari propriu comu un cristianu ca sta ‘nniannu un si po’ sarvari. Mancu l’autri nni ponu sarvari picchì semu tutti piccatura (unu ca sta ‘nniannu un po’ sarvari a nnautru ca sta ‘nniannu, tutt’i ddui hanu bbisognu d’aiutu). Avemu bbisognu di caccadunu senza piccatu (ca non sta ‘nniannu) pi ssarvarinni ri nostri piccati. Sulu unu senza piccatu nni po’ ssarvari. Comu putemu truvari a unu senza piccatu nto munnu ri piccatura unni tutti hanu piccati?

Rom 6:23 Perché il salario del peccato è la morte, ma il dono di Dio è la vita eterna in Cristo Gesù nostro Signore.
Giovanni 3:16 Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non vada perduto ma abbia la vita eterna. 
Matteo 1:23 “Ecco, la vergine concepirà e darà alla luce un figlio, a lui sarà dato il nome di Emmanuele”, che significa, “Dio con noi.”
Giovanni 8:23 E diceva loro, «Voi siete di quaggiù, io sono di lassù. Voi siete di questo mondo; io non sono di questo mondo.
Marco 1:11 E venne una voce dal cielo: «Tu sei il Figlio mio, l’amato, in te ho posto il mio compiacimento.»
Giovanni 8:36 Se dunque il Figlio vi farà liberi, sarete liberi davvero.
Giovanni 3:3 Gli rispose Gesù, «In verità, in verità io ti dico, se uno non nasce dall’alto, non può vedere il regno di Dio.» 
Giovanni 1:12 A quanti però Lo hanno accolto, ha dato potere di diventare figli di Dio, a quelli che credono nel suo nome:

U Signuri ca nni fici e nni voli tantu bbeni, nni detti a soluzioni. Pi lu sò immensu amuri pi nnu, nni mannò a Sso Figghiu, Ggesù, a mmoriri pi nostri piccati. Ggesù è senza piccatu picchì non è comu l’autri omini, e mentri era supra a Terra vinciu li tentazioni ru piccatu fatti ru diavulu. A sò vita piaci a Ddiu n’Pararisu. Ggesù si carricò i nostri piccati e mmuriu ‘n cruci pi nostri piccati. È u sarbaturi ri nostri viti (Gesù nni pò sarvari picchì non stava ‘nniannu). Gesù muriu ‘n cruci pi ppaiari i nostri ddebbiti (piccati) e libberarinni ri nostri piccati, e ricostruiri i nostri rapporti distrutti cu Ddiu. Nuatri pigghiamu la vita da la morti di lu Spiritu (siparazioni da Ddiu) pi menzu di la forza ri Ddiu. Sta nova relazioni si chiama rinascita. E chistu nni riporta o motivu di la criazioni e di la nostra esistenza, ed è u veru significatu e u riali obiettivu ra nostra vita.

Giovanni 11:25 Gesù le disse, «Io sono la risurrezione e la vita. Chi crede in me, anche se muore, vivrà.
Rom 6:9 sapendo che Cristo, risorto dai morti, non muore più; la morte non ha più potere su di Lui.
Atti 2:24 Ora Dio lo ha risuscitato, liberandolo dai dolori della morte, perché non era possibile che questa lo tenesse in suo potere.
Rom 14:9 Per questo infatti Cristo è morto ed è ritornato alla vita: per essere il Signore dei morti e dei vivi.
Atti 1:11 e dissero: «Uomini di Galilea, perché state a guardare il cielo? Questo Gesù, che di mezzo a voi è stato assunto in cielo, verrà allo stesso modo in cui l’avete visto andare in cielo».

Qual è a prova c’o sacrificiu ri Ddiu mortu pi nostri piccati fu accittatu da Ddiu ‘n Pararisu? La prova è la risurrizioni di Cristu da la morti pi menzu ri Ddiu. Cu la risurrizioni si ddimostra ca Ggesù vinciu a morti (o, cosi mè, c’a morti unn’avi nuddu putiri supra a Iddu). Accussì, ora ca Ggesù è vivu, potemu campari puru nuautri. Iddu è vivu rintra a nniatri e nni runa a vita. E picchì è risorto, Iddu è vivu oi.

Giovanni 5:24 In verità, in verità io vi dico: chi ascolta la mia parola e crede a colui che mi ha mandato, ha la vita eterna e non va incontro al giudizio, ma è passato dalla morte alla vita.
Giovanni 10:9 Io sono la porta: se uno entra attraverso di me, sarà salvato; entrerà e uscirà e troverà pascolo.
Giovanni 14:6 Gli disse Gesù: «Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me.
Giovanni 8:24 Vi ho detto che morirete nei vostri peccati; se infatti non credete che Io Sono, morirete nei vostri peccati».
Atti 4:12 In nessun altro c’è salvezza; non vi è infatti, sotto il cielo, altro nome dato agli uomini, nel quale è stabilito che noi siamo salvati».
Rom 10:13 Infatti: Chiunque invocherà il nome del Signore sarà salvato.
Rom 10:11 Dice infatti la Scrittura: Chiunque crede in lui non sarà deluso.
Rom 2:11 Dio infatti non fa preferenza di persone.
Rom 3:22 giustizia di Dio per mezzo della fede in Gesù Cristo, per tutti quelli che credono. Infatti non c’è differenza,
Rom 10:9 Perché se con la tua bocca proclamerai: «Gesù è il Signore!», e con il tuo cuore crederai che Dio lo ha risuscitato dai morti, sarai salvo. 

Comu putemu livari i nostri piccati e arriciviri sta nova vita? Cridennu a Ggesù comu nostru Signuri e Sarvaturi. Se nni pintemu ri nostri piccati e nn’affidamu a Ggesù ca nni pirduna e nni sarva, Iddu u faci. Ggesù è figghiu ri Ddiu e vinni sopra a Terra à moriri pì nostri piccati. Supra la Terra tutti chiddi c’hanu firucia a Iddu, ricivinu u pirdonu da Ddiu, a sarvizza da i so piccati (e du ‘nfernu), e ricivinu na nova vita da Ddiu. Ddiu è iustu. A Iddu un cì ‘nteressa u paisi unni campamu, a lingua chi pparramu, sì ssemu ricchi o povereddi, masculi o fimmini, vecchi o picciotti, e un ci mporta u nostru culuri. Tutti chiddi ca cridunu e si cunfessanu ‘n Cristu si sarvanu. Sa ddiciditi di seguiri Cristu, diciti a preghiera chi ssegue:

Ddiu du Cielu, Ti ringrazziu picchì mannasti u tò unicu figghiu Ggesù a mmoriri pì mè piccati, accussì io pozzu essiri sarvatu, e aviri na nova vita ‘n Pararisu. Mi pentu du me cumpurtamentu e ddumannu pirdunu pì mè piccati. Criu ‘n Cristu e ricevu Cristu comu u mè Signuri e Sarvaturi. Aiutami e guidami pi ffarimi campari na vita ca ti piaci nta sta nova vita ca tu mi dasti. Amen

Si ddicistu sta prighiera, ddumannati a Ddiu di mustrarivi na Chiesa unni iri. Priati a Ddiu sempri e Iddu vi parla. Scutati a vuci ri Ddiu. Ddiu vi guida. Iddu vi ama e vi cura. Ata ‘aviri firucia a Iddu. Iddu nun diludi mai cu avi firucia a Iddu. Ddiu è un Ddiu bonu. Ripuniti a vostra firucia a Iddu. putiti dipenniri r’Iddu pa vostra vita. Purtati i vostri bbisogni ravanti a Iddu. Iddu si preoccupa pi vvuiatri e vi bbinirici. U Signuri dissi “un vi lassu mai e un v’abbannunu”. Ata ‘aviri firucia a Ddiu. Siti biniritti pì menzu ri Ggesù.

Liggiti a Bbibbia sempri, accuminciati ru Vancelu ri Giuvanni. Si ccircati autri cosi nta Internet, scacciati cca.